Vincenzo PACI

After his diploma in clarinet at the Conservatory of Palermo under the guidance of Di Noto, Vincenzo Paci studied with V. Mariozzi, A. Marriner and Sabine Meyer, further developing his technical skills and musicality.
As first clarinet of the Orchestra Giovanile Italiana he toured Italy and Europe, recording for RAI, the Hungarian Radio and the European Broadcasting Union.
He qualified as first clarinet with the Teatro Regio di Torino orchestra, the Arena di Verona orchestra, the Orchestra des Jeunes de la Mediterraneè, and the E.U.Y.O. (European Union Youth Orchestra), and has collaborated with the Accademia Nazionale di Santa Cecilia in Rome, I Solisti Veneti, the Radio Svizzera Italiana di Lugano, the Teatro Verdi di Trieste, the Teatro Bellini di Catania, and the Teatro Massimo di Palermo.
Since 1997 he has been first clarinet of the Teatro La Fenice orchestra, debuting as soloist during the symphonic seasons of the Venice theatre in Mozart’s Sinfonia Concertante, Debussy’s Première Rhapsodie and the Italian première of Meyerbeer’s “Gli amori di Teolinda”.
He has played under the baton of Lorin Maazel, Kurt Masur, George Pretre, Yuri Temirkanov, Myung Whun Chung, Valery Gergiev, John Eliot Gardiner, Dmitrij Kitajenko, Carlo Maria Giulini, Riccardo Muti, Daniele Gatti, Salvatore Accardo, and Luciano Berio. Sabine Meyer invited him to the 6th Lubecker Klarinettennacht, where he was very successful with critics and audiences alike.
He is an active concert performer, both as a soloist and with the ensemble I Virtuosi della Fenice, and teaches master classes.
For Radio 3 Rai and Sky Classica he recorded Mozart’s Clarinet Concerto K 622 in the reconstructed version for basset clarinet, performed at La Fenice on 2nd April 2011. In 2012, with his colleagues of the Quartetto D’Archi del Teatro La Fenice di Venezia, he published for Dynamic Mozart’s Quintet KV 581, version for basset clarinet.
Vincenzo Paci plays Buffet Crampon clarinets.

Vincenzo Paci
Diplomatosi con il massimo dei voti in clarinetto presso il conservatorio “V. Bellini“ di Palermo con il M° Di Noto, l'artista ha poi approfondito ed ampliato la propria formazione strumentale seguendo gli insegnamenti di V. Mariozzi, A. Marriner e Sabine Meyer, i quali ne hanno sottolineato le qualità tecniche e l'espressività musicale.
Primo clarinetto nell'Orchestra Giovanile Italiana ha svolto diverse tournèes in Italia ed in Europa, effettuando registrazioni per la Rai, radio Ungherese e per l’Unione delle Radio europee.
Ha conseguito l’idoneità per il ruolo di primo clarinetto presso le orchestre del Teatro Regio di Torino, Arena di Verona, Orchestra des Jeunes de la Mediterraneè, E.U.Y.O. European Union Youth Orchestra ed ha collaborato con l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia in Roma, Solisti Veneti, Radio Svizzera Italiana di Lugano,Teatro Verdi di Trieste, Teatro Bellini di Catania, Teatro Massimo di Palermo.
Dal 1997 è primo clarinetto dell'Orchestra del Teatro “La Fenice” di Venezia, con la quale ha avuto il suo debutto come solista all’interno delle stagioni sinfoniche del Teatro veneziano eseguendo la sinfonia concertante di W. A. Mozart, La Première Rhapsodie di Debussy ed in prima esecuzione italiana “Gli amori di Teolinda” di G. Meyerbeer.
Ha suonato sotto la direzione di Lorin Maazel, Kurt Masur, George Pretre, Yuri Temirkanov, Myung Whun Chung, Valery Gergiev, John Eliot Gardiner, Dmitrij Kitajenko, Carlo Maria Giulini, Riccardo Muti, Daniele Gatti, Salvatore Accardo, Luciano Berio. E' stato invitato da Sabine Meyer a partecipare alla 6. Lubecker Klarinettennacht, dove è stato molto apprezzato dal pubblico e dalla critica. All'intensa attività concertistica in recital solistici e con il gruppo “I Virtuosi della Fenice”, affianca il ruolo di docente in numerose Master Class.
Ha registrato per Radio 3 Rai e per Sky Classica il concerto K 622 per Clarinetto e Orchestra di W.A.Mozart, versione ricostruita per Clarinetto di Bassetto, eseguito il 2 Aprile 2011 al Teatro la Fenice di Venezia. Il 2012 è stato caratterizzato dalla pubblicazione con Dynamic, della versione ricostruita per Clarinetto di Bassetto, del Quintetto KV 581 di W.A.Mozart insieme agli amici del Quartetto D'Archi del Teatro La Fenice di Venezia.
Vincenzo Paci suona clarinetti “Buffet Crampon”.


Imprimer